I manufatti di Mosul: una perdita inestimabile


 

di Maurice Kodeih

E’ difficile valutare il significato storico e archeologico del territorio che si estende dalla Mesopotamia all’Egitto. Questa parte del pianeta ha accolto le prime fasi della civiltà umana, soprattutto dal Neolitico (da 8.000 a 4.000 avanti cristo). E’  stato durante la fine del Paleolitico e i primi periodi del Neolitico che gli esseri umani hanno acquisito un livello avanzato di conoscenza. Siamo passati da uno stile di vita da “cacciatori-raccoglitori nomadi” a una esistenza caratterizzata dall’agricoltura che ha avuto importanti implicazioni per la nostra produzione culturale e i rapporti sociali.

Questo nuovo stile di vita significava addomesticare gli animali e garantire una qualche forma di custodia: ciò ha portato alla creazione di grandi comunità e la nascita dei villaggi. Il Neolitico si è concluso con l’età del metallo e la scoperta della scrittura, inaugurando l’era storica – al contrario di preistorico – con la conservazione di documenti scritti. (…)

Nel quarto millennio avanti Cristo, la scrittura è apparsa separatamente, ma quasi contemporaneamente, nel bacino del Nilo e in Mesopotamia. Essa rappresenta un indicatore del livello di sviluppo e di civiltà che le comunità avevano raggiunto in queste due regioni.

Geograficamente, la Mesopotamia si estende per un vasto territorio i cui confini sono: a sud il Golfo Persico e la penisola arabica a sud, a nord l’Armenia e i monti Zagros, a ovest il deserto siriano e a est le montagne dell’Iran. Il territorio della Mesopotamia è dominato da montagne e colline a nord, pianure al centro e al sud e altipiani desertici a ovest.

Proprio come il Niloè il dono dell’Egitto – come ha osservato Erodoto – la civiltà mesopotamica è figlia dei grandi fiumi Tigri ed Eufrate. A differenza dell’ Egitto, tuttavia, la Mesopotamia, in virtù della sua posizione geografica, è stata più aperta alle influenze provenienti dall’ India, dal Mar Mediterraneo, dall’Asia Minore, dal Caucaso e dall’Egitto.

Gli scavi archeologici indicano che la Mesopotamia è stata abitata fin dalla preistoria e ha conosciuto civiltà avanzate, soprattutto nelle zone di Ur, Gemdet Nasr, Eridu, così come in altre aree. Dal IV millennio fino al 5 ° secolo avanti Cristo, molti popoli si stabilirono in Mesopotamia, fondando diverse “entità politiche”.

I primi furono i Sumeri, noti, fin dal IV millennio aC (32.000 aC), per la conoscenza della scrittura, dei numeri, del calendario, della matematica e dell’astronomia  I Sumeri si stabilirono in diverse città, politicamente divise tra loro: Ur, Uruk, Umma, Lagash, Larsa e Mari. (…). Altre civiltà fiorirono in Mesopotamia, compresi gli Assiri che si insediarono nel nord dell’Iraq all’inizio del terzo millennio. Furono governati da potenze straniere fino a quando il re Ashur-uballit occupò Babele e li resi indipendenti.

L’espansione assira è iniziata con Tiglatpileser I (1112 – 1074) che ha conquistato territori fino al Mar Nero e al Mar Mediterraneo.  Gli assiri raggiunsero il culmine della loro potenza nell’ 8 ° secolo a. C. con Tiglatpileser III (745-727). L’impero Assiro a quel tempo controllava tutta la Mesopotamia, oltre alla Siria, la Fenicia, la Palestina e anche l’Egitto, occupato da Assurbanipal (668 – 626). In seguito, iniziò un periodo di declino che si concluse con l’occupazione delle città di Assur (614) e Ninive (612): dalle rovine dell’impero assiro emerse l’egemonia babilonese. Fino al 19 ° secolo, le informazioni su questa parte del mondo erano limitate a ciò che veniva menzionato nel Vecchio Testamento, oltre agli scritti di antichi viaggiatori greci e di Erodoto.

Con la crescita degli studi occidentali della regione, dall’Iraq all’Egitto, soprattutto dopo la campagna militare di Napoleone (1799), crebbe la possibilità di raggiungere quei luoghi e incominciarono le attività di ricerca e di scavo in una zona che faceva ancora parte dell’impero ottomano. Sono numerosi le missioni di scavi archeologici di quegli anni: prima arrivò il  onsole francese Botha (1842), poi fu la volta di una inglese (1845) seguita da un’altra francese (1851), seguitie da quelle americane (1889) e tedesche (1899). L’attività di ricerca e di scavo consentì di scoprire e recuperare manufatti stupefacenti; alcuni di loro sono stati trasferiti nei musei di Parigi, Londra e Berlino. Altri sono stati trasferiti negli Stati Uniti (in particolare a Philadelphia), mentre altri ancora sono stati portati nei Musei di Teheran, Beirut, Damasco e Istanbul e in quelli iracheni di Baghdad e Mosul.

Il Museo di Mosul è il secondo museo più importante in Iraq dopo il Museo di Baghdad. E’ stato fondata nel 1951 e inizialmente era limitato ad una piccola sala. Fu ampliato nel 1972 proprio per mostrare ai visitatori le diverse serie di manufatti ritrovati in Mesopotamia, in particolare quelli che si trovavano a Ninive. Esso copre quattro grandi sale espositive, dedicate a manufatti antichi (periodo preistorico), alla civiltà assira, ad Hatran (reperti della città di Hatra) e alla produzione islamica.

Con l’invasione americana dell’Iraq, nel 2003, il museo ha chiuso le porte per proteggere le sue preziose collezioni, dopo i numerosi saccheggi nei siti archeologici, tra cui il Museo di Baghdad, sotto il controllo proprio delle autorità statunitensi. Il Museo di Mosul è stato riaperto nel 2012 ai soli studenti medi e universitari. Il lavoro di restauro ha avuto inizio nel settembre dello stesso anno per consentire alla struttura di accogliere il vasto pubblico. L’occupazione statunitense dell’Iraq è stata accompagnata da una sistematica distruzione, accompagnata da saccheggi e profanazione dei luogi sacri, del patrimonio storico del paese.

Numerosi siti archeologici sono stati distrutti e saccheggiati, altri non hanno potuto avere alcun tipo di manutenzione e cura, mentre altri ancora hanno subito scavi clandestini allo scopo di recuperare manufatti destinati al traffico illecitò di antichità. Tutto ciò ha determinato danni enormi e perdite gravissime visto l’alto numero dei manufatti distrutti e persi.  Un numero enorme di reperti e oggetti sono stati contrabbandati fuori dall’Iraq e venduti a collezionisti di antichità o musei internazionali attraverso note case d’asta. Molte di queste operazioni sono state documentate. Altri reperti sono stati distrutti sul posto.

Con il ritorno della violenza in Iraq – e con il governo centrale che ha perso il controllo di vaste porzioni di territorio – molti siti archeologici sono di nuovo in pericolo. Purtroppo di questa vicenda i media parlano poco o niente, anche perchè l’avanzata degli islamisti – che ora controllano le aree che un tempo erano nelle mani del governo – mette in ombra tutto il resto. Numerose aree della Siria e dell’Iraq sono fuori dal controllo dei governo e i danni per il patrimonio storico e archeologico di quei paesi sono enormi.

Le chiese, i santuari sufi e un certo numero di moschee – come la Moschea del profeta Giona- sono state bombardate. La Biblioteca di Mosul è stata incendiata dallo Stato islamico in Iraq e Siria (ISIS), che ha bombardato il suo edificio centrale nella zona di al-Faisaliah nel centro della città, bruciando i suoi libri, documenti e manoscritti, molti dei quali erano volumi rari. Recentemente abbiamo assistito alla conquista da parte dei miliziani dello Stato Islamico del Museo di Mosul. E’ stato pubblicato un video di cinque minuti che mostra degli uomini barbuti che distruggono le statue del museo con mazze e altri oggetti al ritmo dei canti islamici. E’ molto difficile fare una valutazione accurata dei danni che sono stati arrecati al museo, che ovviamente non è possibile raggiungere, ma le immagini sono sufficienti a far comprendere e a dimostrare l’enormità del danno.

Se è difficile fare una valutazione accurata del danno arrecato al museo in quanto è impossibile da raggiungere, riprese del video è sufficiente a dimostrare l’enormità della perdita. Tra le statue distrutte vi è il celeberrimo “toro alato assiro”, risalente al 9 ° secolo a. C. Il video mostra anche la distruzione di un altro toro alato, ritrovato presso l’antica Porta Nergal a Mosul. Il toro alato è considerato il simbolo della civiltà assira, che fiorì in Iraq e ha ampliato il suo controllo fino alla valle del Nilo. Il toro alato era una statua enorme che misurava 4,42 metri (14,50 piedi) di lunghezza e pesava 30 tonnellate. Aveva il corpo di un toro, ali d’aquila e una testa umana. Simboleggia forza, saggezza, coraggio ed eminenza. La civiltà assira era nota per i suoi tori alati, in particolare quello di Ashurite Unito (il neo-assiro Unito). Altrettanto famosi e di straordinaria bellezza quelli dei palazzi reali nelle città di Ninive e Assur, nella Mesopotamia settentrionale.

Gli esperti hanno rivelato che alcuni dei manufatti distrutti erano effettivamente pezzi originali e completi, mentre altri erano incompleti.  I manufatti esposti, per poter essere ammirati, sono stati ricomposti dai frammenti originali, altri, come detto, sono soltanto copie (Moulages) di pezzi originali. Per l’ISIS e altri gruppi armati, in particolar modo in Siria, il traffico di antichità è una delle più remunerative fonti di finanziamento. La distruzione dei manufatti culturali e dei reperti archeologici, come abbiamo visto nel museo di Mosul, ha una dimensione ideologica e propagandistica. I terroristi si richiamano a un’interpretazione dei testi religiosi dell’Islam di matrice prevalentemente salafita. In questa sede non è possibile affrontare la complicata tematica della rappresentazione delle forme animali e umani nell’Islam. Il punto non è questo. Quello che voglio denunciare e porre all’attenzione dell’opinione pubblica è che le perdite e i danni inflitti al patrimonio archeologico, storico e culturale dell’Iraq e della Siria si moltiplicano di giorno in giorno. Si tratta di un problema serio che richiede molta attenzione e che non può essere affrontato con un occasionale sfogo emotivo.