Come i Democratici hanno trovato un Uomo Nero russo nelle mail di Hillary


 

 di Paul Craig Roberts

 

Bernie Sanders ha vinto la nomina presidenziale ma è stato imbrogliato dal Comitato Nazionale Democratico, che è l’organismo che opera per il Partito Democratico. Il CND ha aiutato Hillary a vincere la nomination combinando i conteggi di voto errati con la nomina di super delegati, che nessuno ha eletto, perché votassero per Hillary. Così, [Hillary] ha vinto questa nomina illegittimamente. Tutti i sostenitori di Bernie Sanders lo sanno. Si sono rivoltati contro Hillary, ed è improbabile che molti di loro voteranno per la Clinton.

Quando lo scandalo e-mail è esploso, il Comitato Nazionale Democratico, sperando di spostare la colpa altrove, ha chiesto: “Chi detestano gli americani più di Hillary?” ed ha risposto “i russi”. Washington sta demonizzando i russi da 3-4 anni. Così, agli americani è stato detto di non gradire i russi. Ecco perché il CND e i media presstitute accusano Putin per il rilascio da WikiLeaks delle e-mail che hanno mostrato che i democratici stavano imbrogliando Sanders nella nomina presidenziale. Putin è stato fatto diventare il problema, invece di Hillary.

Per molti versi Hillary è una truffatrice. Ma è sfuggita al processo perché è troppo utile agli oligarchi. Così tutta la colpa è stata spostata su Putin, dicendo che si tratta di un piano russo per avere un Donald Trump eletto. Ma io non credo che saprà ingannare molte persone. Solo gli stupidi. Se la giocherà sui media, perché i media non sono onesti, non sono indipendenti. I media americani sono come i vecchi media sovietici – si deve rispondere al Padrone e non si può dire molto in modo indipendente. Non gli riuscirà di ingannare il popolo americano che tutto questo scandalo di e-mail è lavoro di Putin.

I Democratici sono alla ricerca di un Uomo Nero, di qualcuno su cui spostare la colpa lontano da loro. Non si rendono nemmeno conto che le loro accuse fanno sembrare la Russia una superpotenza informatica. Ebbene, la Russia può essere una superpotenza informatica ma sappiamo tutti che le e-mail di Clinton non hanno raggiunto WikiLeaks attraverso la Russia. E’ solo un qualcosa tirato su dagli operativi della Clinton. I media vi sono semplicemente andati dietro, hanno riportato la notizia senza verificarla.

Non penso che molte persone credano ci sia Putin dietro la perdita delle email compromettenti di Hillary. Fa solo sembrare il Comitato Nazionale Democratico ancora più ridicolo. Il CND ruba un’elezione al candidato che la gente voleva e cerca di incolpare Putin per averlo fatto.

Bernie Sanders, quando ha sostenuto la Clinton alla convention democratica, si è screditato ed ha demoralizzato tutti i suoi sostenitori. Pertanto, si sono allontanati anche da lui. Il che elimina Sanders come leader. Si è rovinato da solo. Se fosse andato alla convenzione ed avesse detto: “Mi hai rubato la candidatura presidenziale! Sono io quello  che ha vinto!”, sarebbe stato oggi l’americano più popolare. Poteva concorrere come candidato indipendente e vincere. Ma lui non ha avuto il coraggio di farlo. Ha rinunciato, si è arreso. Gli oligarchi sono abituati a persone che gli si arrendono. Pensano che Putin si arrenderà. E che la Cina si arrenderà. E l’Iran.

Bernie Sanders non ha il sostegno degli oligarchi. Il complesso militare industriale, Wall Street e la lobby israeliana non gli stanno dietro. Non è il loro agente. Il suo sostegno è venuto dagli stessi elettori democratici. Quindi non aveva il potere di prevalere, a meno che non combattesse davvero Hillary. Ma non era disposto a rischiare. Bernie Sanders è considerato un outsider dagli oligarchi. Non hanno finanziato la sua campagna. La sua approvazione per Hillary lo ha distrutto come un leader politico ed è la fine per lui come potenziale leader.

Hillary ha scelto un generale guerrafondaio come suo vice-presidente.

I media americani, che sono assetati di sangue per la guerra, sosterranno la Clinton ed attaccheranno Trump. Ma i media hanno mentito così tanto che hanno perso la loro credibilità. Poche persone dipendono dai media, perché hanno mentito molto e a lungo. Molto più importante è come Trump si gestisce. Se continua a dire che non vuole un conflitto con la Russia, che la NATO è un problema e non una soluzione e continua a denunciare la delocalizzazione dei posti di lavoro americani, che ha distrutto la classe media, Trump vincerà le elezioni presidenziali indipendentemente dall’opposizione di oligarchi e media. Il fatto che le aziende spostino all’estero i posti di lavoro della classe media danneggia veramente gli americani e l’economia americana. Trump è contrario all’avere tensioni con la Russia. Si rende conto che non vi è alcuna reale necessità per la NATO. Così, gli americani lo stanno sostenendo per questi motivi. Trump vincerà se attacca su questi problemi –  a meno che l’elezione non gli venga rubata.

Ma la domanda è: cosa potrebbe conseguire se ottenesse la carica? Può darsi che non possa far nulla, ma è l’unica speranza che abbiamo. Trump sa chi nominare per raggiungere i propri scopi o il suo governo sarà nominato dall’apparato che lo “consiglierà” e, di conseguenza, lo controllerà?

Se una vittoria di Trump sembra certa, i Democratici cercheranno di rubare l’elezione programmando le macchine per il voto elettronico, che non lasciano traccia cartacea. Quindi, chiunque programmi le macchine per il voto è [anche] in grado di determinare l’esito della votazione. E nessuno saprà mai che è avvenuta una frode.

A meno che Trump non abbia degli esperti in grado di garantire che le macchine per il voto siano programmate correttamente, ho il sospetto che le macchine saranno programmate a votare per Hillary. Trump non può fidarsi dell’establishment politico repubblicano, perché gli si oppone. Se Trump confida sui Repubblicani, loro collaboreranno con la gente di Hillary e programmeranno le macchine in modo che Hillary possa vincere. Non ci sono schede di carta da ricontare. Questo è il modo in cui un sacco di elezioni sono state rubate negli ultimi anni negli Stati Uniti.

L’apparato americano è incarnazione del male e non accetterà un outsider come presidente. Se Hillary diventa presidente, la violenza americana contro altri popoli aumenterà.

***************

Articolo orignale: http://www.paulcraigroberts.org/2016/08/01/american-horror-story-how-democrats-found-a-russian-boogeyman-in-hillarys-e-mails/

 

Traduzione di Costantino Ceoldo – Pravda.Ru freelance