Non è una guerra fredda, è molto peggio


 

L’articolo che segue è stato scritto da Eric Zuesse prima della vittoria di Donald Trump alle presidenziali degli Stati Uniti. Lo scritto, tradotto per la Rivista Spondasud da Elisa Pecoraro, è stato pubblicato da strategic-culture.org. L’autore, la cui opinione non coincide necessariamente con quella del giornale che lo ospita, fornisce un quadro della strategia degli Stati Uniti nel mondo in chiave anti Russa, con particolare riferimento alle politiche della Nato nei confini orientali dell’Europa. 

 

Ecco il motivo per cui siamo attualmente più vicini a una guerra nucleare di quanto non lo fossimo durante la crisi missilistica cubana del 1962. Durante la guerra fredda, le due parti hanno convenuto che qualsiasi guerra tra il blocco occidentale e quello comunista sarebbe sfociata in una guerra nucleare tra gli Stati Uniti e l’URSS causando una distruzione reciproca assicurata (M.A.D.). Pertanto, a causa di questa reciproca accettazione della MAD, la guerra “calda” non è mai scoppiata durante tutto quel periodo, dal 1945 fino al crollo dell’Unione Sovietica. Con la dissoluzione dell’URSS si è conclusa anche l’alleanza militare del Patto di Varsavia nel 1991. Durante tale periodo, durato 45 anni, chiamato «guerra fredda», non c’era guerra calda tra le due superpotenze nucleari, perché entrambe le parti ritenevano che qualsiasi guerra calda sarebbe finita con la  MAD – Distruzione Mutua Assicurata, e la fine della civiltà.

Le armi nucleari sono armi di ultima istanza, esistono al fine di evitare la sconfitta. Se il Giappone avesse avuto armi nucleari a sua disposizione, la fine della seconda guerra mondiale sarebbe stata notevolmente posticipata, sebbene il Giappone avrebbe ugualmente perso perché non aveva alleati.

Solo la  M.A.D. ha evitato che la guerra fredda diventasse una guerra calda.

Ma M.A.D. non è solo una realtà fisica ma anche un sistema di credenze reciprocamente condivisa, un sistema di credenze che diventa non funzionante se uno dei due lati ritiene che esista effettivamente un modo per vincere una guerra nucleare – in altre parole, credere che la conquista di una potenza nucleare da parte di un altra potenza nucleare sia una possibilità reale. Durante gli anni precedenti al 2006, ci fu una crescente convinzione, anche se non detta, della superiorità degli Usa da parte della nobiltà degli Stati Uniti (le persone che controllano il governo degli Stati Uniti – o almeno hanno controllato dal 1981.

Nel 2006 la convinzione è stata resa pubblica. Da quel momento in avanti, la M.A.D. è stata considerata superata da parte americana, e le armi nucleari sono diventate, negli Stati Uniti, una strategia all’interno di un nuovo quadro (denominato «supremazia nucleare») – il quadro delle armi nucleari come armi finali finalizzate alla conquista (dell’Urss) da parte del governo degli Stati Uniti. Dopo il 1991, quando il Patto di Varsavia non esisteva più, l’alleanza militare Occidentale, la NATO, ha invitato ad entrare a far parte della stessa tutti gli Stati dell’ex URSS tranne la Russia (indicando in tal modo l’ostilità continua della NATO verso quella particolare nazione e la fraudolenza della pace della NATO con essa). Così la NATO (ora chiaramente un’alleanza anti-russa, piuttosto che anti-comunista) è arrivata ad estendersi fino ai confini della Russia – qualcosa che gli stati Uniti avevano rifiutato all’URSS di fare nel 1962, quando Kruscev volle collocare dei missili nucleari a Cuba a soli 90 miglia dal confine degli Stati Uniti.

Nella nuova era in cui il governo degli Stati Uniti e dei suoi alleati ritengono che la supremazia nucleare stia per essere raggiunta, l’uso di armi nucleari sarebbe giustificato a scopo difensivo. Ecco come l’attacco nucleare sarebbe ‘giustificato’, come una ‘risposta difensiva necessaria’ contro la Russia. Di conseguenza, l’Alleanza USA -NATO ha iniziato l’accumulo delle sue forze di invasione tradizionali in prossimità delle frontiere della Russia. Questo include anche alcuni alleati degli Stati Uniti che non fanno parte del Patto Atlantico. La ‘giustificazione’ presunta per questo accumulo di forze militari ai confini della Russia è ‘difendersi’ dalla sua aggressione. Ciò è accaduto quando (a marzo 2014 poche settimane dopo il sanguinoso colpo di stato degli Stati Uniti in Ucraina) Mosca ha consentito ai residenti della Crimea di ricongiungersi alla Russia, di cui la Crimea aveva fatto parte fino a quando Kruscev arbitrariamente la annesse all’Ucraina nel 1954.

Questo disaccordo sulla Crimea è la causa ultima supposta per il coinvolgimento della NATO, anche se l’Ucraina non è ancora (e in precedenza non voleva essere) un membro della NATO. In ogni caso, questa è l’ideazione per la creazione del presupposto da parte della NATO verso quella che potrebbe diventare una Terza Guerra Mondiale

Fin dal 19 febbraio 2016, gli Stati Uniti hanno collezionato carri armati e artiglieria, sufficienti a supportare 15.000 Marines nelle grotte norvegesi. La Norvegia ha un confine di 200 miglia con la Russia. La CNN ha trasmesso un video intitolato «Russia rivela aggressivo militare piani». E ‘stato riferito che la Russia del (democraticamente eletto, anche se non così denominato) presidente, Vladimir Putin, è stato lo spostamento delle truppe e delle armi verso il confine norvegese.

Che cosa penserebbero gli americani se la Russia dovesse attuare un dispiegamento di armamenti e truppe in Messico, vicino al confine degli Stati Uniti? Tutto ciò sarebbe considerato dagli americani come una forma di protezione russa dei confini messicani? E in caso affermativo, quanto sarebbero veritieri i media russi annunciando «L’America rivela piani militari aggressivi»? La Germania di Hitler ha usato questo genere di tattiche mediatiche, ma questa volta è l’America di Obama a farlo. Il Marine Corps Time titolava il 24 ottobre «più di 300 Marines diretti in Norvegia nel mese di gennaio ». Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama fa sul serio: sta preparando ogni cosa in modo da garantire che sia Hillary Clinton a succedergli. Questo tipo di sfrontatezza supera qualsiasi altra cosa fatta durante la guerra fredda.

L’America, e la sua notevolmente ampliata NATO, ora accerchia la Russia non solo con i suoi carri armati, ma con i suoi missili e bombardieri in prossimità delle frontiere della Russia, e con un vantaggio temporale a favore degli Usa di dieci minuti sul lancio di bombe nucleari. Così un attacco nucleare degli Stati Uniti contro la Russia, concettualmente, potrebbe essere una guerra del tutto unilaterale.

Nel 2006, l’aristocrazia degli Stati Uniti ha pubblicato sulla rivista Affari Esteri, dal loro Ufficio per le Relazioni Internazionali, il primo articolo in cui ha dichiarato che l’obiettivo degli Stati Uniti non dovrebbe più essere una continuazione della MAD, ma invece «il raggiungimento del primato nucleare americano», che per l’aristocrazia degli Stati Uniti significa l’incremento delle capacità dell’America di vincere una guerra nucleare contro la Russia. Ha stabilito questo obiettivo stupefacente semplicemente dicendo che tale obiettivo potrebbe essere raggiunto e che dovrebbe essere raggiunto. L‘aristocrazia degli Stati Uniti non ha condannato e rifiutato e ripudiato l’articolo, ma semplicemente ha lasciato che l’articolo fosse pubblicato con poca o nessuna discussione pubblica (e nessun dibattito pubblico) su di esso, e tanto meno senza alcun coro di condanne pubbliche sulla stampa statunitense, come sarebbe successo se l’America fosse un democrazia. Ma questa nazione non è più una democrazia, è diventato un’ aristocrazia, e questa nobiltà aveva ormai pubblicato l’articolo sul “Primato nucleare”. (Al contrario, nella oscura rivista China Security è stato pubblicato nel numero di Autunno 2006, la critica principale contro di essa, «La fallacia del nucleare Primato». Tale articolo non ha avuto effetto.

L’articolo dell’ufficio Relazioni Estere anche era così audace da affermare che «i leader degli Stati Uniti hanno sempre aspirato a questo obiettivo», (il primato nucleare) – una selvaggia e non dimostrabile asserzione che non è molto diversa da fatto che non solo George W. Bush, ma tutti i presidenti degli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale hanno aspirato ad avere la capacità di conquistare la Russia. G.W. Bush ha esplicitamente dichiarato di avere questo desiderio: «La ricerca intenzionale del primato nucleare è, del resto, del tutto coerente con la politica americana di espansione del proprio dominio globale. La Strategia di Sicurezza Nazionale dell’amministrazione Bush del 2002 afferma esplicitamente che gli Stati Uniti mirano a stabilire il primato militare. » Tale affermazione era tragicamente vera, che è uno dei motivi per cui Bush (come suo padre, che ha effettivamente iniziato la politica determinata a raggiungere il primato nucleare) è stato un presidente pericoloso e dannoso. La sua invasione dell’Iraq era solo un sintomo di tale malattia più profonda.

Questa idea di una guerra nucleare che si può vincere (dagli Stati Uniti, ovviamente), non è più eretica, non è più vista come ripugnante. In realtà, questo articolo era stato introdotto e accettato dalla Harvard University simultaneamente nella sua forma più lunga e, contemporaneamente, pubblicato dalla loro rivista scientifica International Security, che è il principale (è più influente al mondo) rivista scientifica. Così – almeno negli Stati Uniti – la chiusura del M.A.D. ha sempre avuto un accezione positiva, prima ancora che l’obiettivo diventasse una politica degli Stati Uniti a tutti gli effetti. E nessuno stava dicendo che Harvard e la sua rivista e il CFR erano quelli che erano a tutti «pazzi », o qualcosa di simile, come ad esempio« folle ». Il timbro di approvazione dell’aristocrazia sul concetto di supremazia nucleare era chiaro. Anche se la M.A.D. è proseguita da parte della Russia, essa non è più il pensiero operativo dell’America. Questo è ormai chiaro, e questa è la difficile situazione della Russia – e del mondo (a causa di una guerra nucleare che coinvolge anche solo una delle due superpotenze nucleari sarebbe distruttiva per tutto il mondo).

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama sta mettendo in atto il perseguimento del primato nucleare, a partire dalla realizzazione della proposta di Ronald Reagan denominata «Star Wars», un sistema di difesa composto da missili antibalistici (ABM), che ora si chiama il sistema Ballistic Missile Defense (BMD), e tecnicamente chiamato col nome: Lockheed Martin, Boeing e Raytheon del sistema Ashore Aegis, che Obama ha reso operativo in Romania il 12 maggio 2016. È stato progettato in modo da consentire un attacco nucleare a sorpresa contro la Russia in cui i missili lanciati per rappresaglia, si suppone, verrebbero annientati durante la loro fase di lancio. Ufficialmente, però, il suo scopo è quello di difendere l’Europa dall’ attaccato dei missili iraniani. Qualsiasi ammissione pubblica degli Stati Uniti che questo sistema ‘difensivo’ sia in realtà la preparazione per un blitz d’assalto nucleare degli Stati Uniti nei confronti della Russia è ovviamente fuori questione. E, ovviamente, i russi sanno che Obama sta mentendo e che questa è la preparazione da parte degli Stati Uniti per un attacco nucleare contro la Russia. I mass media del mondo occidentale potrebbero essere così “pazzi” da non essere a conoscenza di questo fatto, ma Putin ha messo in chiaro che lui non lo è, e sta preparando la Russia a dover fronteggiare questa minaccia.

George W. Bush ha esercitato pressioni sia sulla Polonia che sulla Repubblica Ceca per permettere agli Stati Uniti di posizionare i propri armamenti ABM nel loro territorio. Obama è entrato in carica criticando il piano di ABM e fingendo di non essere ostile alla Russia. Ha ingannato Vladimir Putin facendogli credere che fosse sinceramente risoluto nel perseguire la pace e la cooperazione con la Russia. Non appena venne rieletto Obama, i suoi denti sorridenti sono diventati immediatamente delle zanne. Poi, subito dopo il suo regime ha rovesciato con un sanguinoso colpo di stato il governo filo-russo democraticamente eletto in Ucraina. L’installazione del Aegis Ashore in Romania viola altresì i trattati, e questa è la ragione per cui Obama sta a dire che tutte le strutture Aegis di terra verranno indirizzati contro l’Iran – e forse anche contro la Corea del Nord – ma mai contro la Russia.

Sempre nel 2006, esattamente il 18 novembre 2006, è stata pubblicata da Global Research, un sito indipendente canadese che si occupa di geo strategie, una superba sintesi della connessione che questo piano ha con una serie di invasioni dell’America in Medio Oriente. E ‘intitolato «I piani per ridisegnare il Medio Oriente: il progetto di un ‘Nuovo Medio Oriente’», di Mahdi Darius Nazemroaya, che spiega:

“Va notato che nel suo libro, «La Grande Scacchiera: primato americano e i suoi imperativi geostrategici», Zbigniew Brzezinski, ex consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha alluso al moderno Medio Oriente come una leva di comando di un territorio che Brzezinski chiama Nuovo Medio Oriente. Questo territorio è costituito da: i Balcani eurasiatici nel Caucaso (Georgia, l’Azerbaigian e l’Armenia) e l’Asia centrale (Kazakistan, Uzbekistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turkmenistan, Afghanistan e Tajikistan) e, in una certa misura, l’Iran e la Turchia. Iran e Turchia sia in forma i livelli più settentrionali del Medio Oriente (escluso il Caucasuso) che il bordo verso l’Europa e l’ex Unione Sovietica.

(…)

La difesa di Brzezinski del «Primato americano», si sposa perfettamente con il sostegno dell’aristocrazia del «Primato Nucleare», ed è apparsa otto anni prima. Il suo libro del 1998 è stato fondamentale anche sotto altri aspetti. E, come Nazemroaya ha chiarito, il piano di Brzezinski era già in fase di attuazione da parte del governo degli Stati Uniti, anche prima del 2006. Tuttavia, la persona che ha effettivamente preso la decisione fondamentale, la decisione di conquistare la Russia, è stato il presidente degli Stati Uniti George Herbert Walker Bush, nella notte del 24 febbraio del 1990, poco prima che l’Unione Sovietica si dissolvesse. Era la persona che ha deciso che, dopo l’Unione Sovietica e il suo Patto di Varsavia fossero terminati, la NATO avrebbe continuato la guerra fredda fino a quando la Russia fosse stata circondata dagli alleati degli Stati Uniti, che sono i nemici della Russia. Anche se la Russia presuppone che ogni guerra nucleare sfocerebbe nella M.A.D., il governo degli Stati Uniti non la pensa più così.

Tuttavia, i pianificatori militari nelle nazioni vassalli degli Stati Uniti non includono nei loro calcoli il mondo: l’impatto che tale inverno nucleare e tutto il resto avrà se il loro sogno di ‘supremazia nucleare’ consiste in qualcosa di più che una semplicemente bufala. Sono così ossessionati dalla ‘vittoria’, che sono disposti a partecipare a questo sogno potenzialmente mega-catastrofico, di ‘supremazia nucleare’. Se ci dovesse essere una Terza Guerra Mondiale finirà il mondo. Questo è il fatto fondamentale, che viene ignorato dai pianificatori militari Occidentali. La NATO deve dissolversi ora, proprio come fece il Patto di Varsavia nel 1991 – mentre un indecente, oligarchico ‘Occidente’ prosegue la guerra fredda, ed ora la sta facendo diventare calda.