Danimarca ritira gli F-16 dalla missione in Siria e Iraq


 

di Angelo Gambella

Il governo danese ha annunciato che non rinnoverà la missione in Siria e Iraq contro l’ISIS (Daesh). La missione delle forze armate danesi era iniziata nel mese di giugno per la durata di sei mesi, e l’eventuale rinnovo avrebbe dovuto essere effettuato a giorni.

La Danimarca ha schierato 7 F-16, quattro dei quali operativi, presso la base aerea di Incirlik in Turchia.

Gli aerei sono stati effettivamente impiegati in operazioni da combattimento sui miliziani islamisti ed hanno anche effettuato missioni di sorveglianza e ricognizione sulla Siria.

La Danimarca ha fornito alla coalizione a guida americana un aereo da trasporto C-130J e 400 militari, tra cui 60 delle forze speciali. Anche il velivolo da trasporto sarà ritirato dalla missione.

Molte polemiche aveva suscitato in Danimarca la partecipazione all’attacco compiuto nel mese di settembre contro le postazioni regolari siriane sulle alture presso Deir Ezzor, città assediata dall’ISIS. L’azione è stata infine considerata dagli Stati Uniti un errore.