Ricordando Don Siegelman


 

di Paul Craig Roberts

Mi auguro che il presidente Obama abbia commutato l’ingiusta condanna di Manning non come un contentino per i transgender, ma come un segno che un po’ di umanità ancora permane nell’uscente criminale di guerra presidenziale. Manning ha fatto il suo dovere riferendo i crimini di guerra degli Stati Uniti e rilasciando il video incredibile di truppe americane che uccidono persone innocenti e giornalisti che camminavano lungo una strada, [truppe] che poi uccidono un padre con i suoi due bambini che si era fermato per aiutare i feriti lasciati sulla strada dall’elicottero americano, cannoniera volante o drone o qualunque cosa fosse il dispositivo omicida. Il video mostra truppe statunitensi che giocano ad un videogme di morte con persone vere.

Il premio per Manning è stato essere confinato per due anni in isolamento, in condizioni simili alla tortura, cosa che che lascia pochi dubbi sul fatto che Manning sia rimasto profondamente alterato. Questo trattamento illegale e incostituzionale è stato seguito da un processo farsa in cui Manning è stato condannato a 35 anni di carcere per aver fatto il proprio dovere.

Julian Assange, anche lui falsamente accusato e maltrattato, non deve consegnarsi in cambio della commutazione della pena di Manning, o anche lui suffrirà la stessa sorte. Chiunque racconti la verità e cada nelle mani del governo americano è condannato. Il governo degli Stati Uniti non odia nulla più che la verità.

I fallimenti di Obama come Presidente potrebbero riempire un’enciclopedia. Obama potrebbe aver distrutto il Partito Democratico con il suo fallimento nel commutare la pena del governatore dell’Alabama Don Siegelman, falsamente accusato e condannato ingiustamente. In effetti, Obama avrebbe potuto ordinare un’indagine del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, che quasi certamente avrebbe comportato pene detentive per i politici repubblicani dell’Alabama, per i procuratori repubblicani degli Stati Uniti, i giudici federali repubblicani e l’operativo repubblicano Karl Rove che hanno partecipato a una delle macchinazioni più evidenti della storia umana.

Più di 100 ex procuratori generali e funzionari Demoratici e Repubblicani hanno condannato l’accusa di Siegelman come una cattiva condotta persecutoria di ispirazione politica. Eppure Obama non ha fatto niente.

Non facendo nulla per Siegelman, Obama ha dimostrato ad ogni Democratico che erano da soli se vincevano le elezioni in roccaforti politiche repubblicane.

Don Siegelman è l’unica persona nella storia dell’Alabama ad essere stata eletta per servire in tutti i maggiori quattro uffici elettivi dello Stato. Era molto popolare e ha fatto straordinariamente del bene per la gente e lo Stato dell’Alabama. Che i Repubblicani siano stati in grado di rimuovere dal suo incarico e imprigionare l’uomo più decente nella vita pubblica dell’Alabama, nonostante otto anni di [governo] di un Presidente e un Dipartimento della Giustizia Democratici, è un indicatore infallibile che nessun politico democratico può fidarsi che il Partito Democratico venga in suo aiuto quando viene attaccato dai Karl Rove.

 

Articolo originale:

http://www.paulcraigroberts.org/2017/01/18/remember-don-siegelman/

Traduzione di Costantino Ceoldo – Pravda freelance

Sulla vicenda di Don Siegelman come riportata da Wikipedia:

https://en.wikipedia.org/wiki/Don_Siegelman