Gli scenari geopolitici nel Mediterraneo


 

(Lassaad El Asmi) – Le relazioni tra i paesi del Mediterraneo sono sempre state molto forti sin dall’inizio della storia del genere umano: relazioni di cooperazione, assistenza reciproca, scambi culturali e il trasferimento di conoscenze reciproco, hanno segnato la storia della regione, anche se sono state talvolta oggetto di conflitti.

Tuttavia, tutte le politiche adottate finora dagli Stati membri dello spazio Mediterraneo non sono riuscite a rendere questo spazio una zona di pace, prosperità, sviluppo, stabilità e sicurezza. Un divario gap di civilizzazione continua ad allargarsi tra le due sponde. Lo testimoniano i rapidi cambiamenti in atto a livello politico che, nel corso degli ultimi anni, nei paesi del Sud del Mediterraneo hanno sorpassato i paesi europei. L’Europa ha scoperto troppo tardi che tutte le politiche di vicinato intraprese nel corso degli ultimi decenni non sono riuscite a comprendere questi cambiamenti e adottare le giuste strategie per accompagnarli.

Ora constatiamo che tutti i tentativi da parte della comunità europea per rimediare allo scarto tra Nord e Sud, non hanno portato a risultati concreti. Questi fallimenti della politica europea nel Mediterraneo non sono stati causa di una mancanza di volontà o la mancanza di programmi.

Tutti i programmi sviluppati finora dalla comunità europea come INTERREG, lanciato nel 1989 come parte della cooperazione transfrontaliera, il programma MEDA creato nel 1995 in occasione della conferenza di Barcellona, l’attuazione dello strumento UPM (Unione per il Mediterraneo), nel 2008, che riunisce 43 paesi e mira a sostenere lo sviluppo socio-economico dello spazio regionale del Mediterraneo, non hanno ridotto la frattura.

Le ragioni di questo fallimento sono molteplici, la strategia adottata dall’UE dal 1995, che mirava a migliorare le relazioni politiche ed economiche con i regimi al fine di promuovere il cambiamento democratico, non ha avuto successo. Di questa strategia hanno approfittato regimi autocratici che potrebbero affermare il loro potere e rendere l’UE più dipendente dai loro decisioni per quanto riguarda gli aspetti di sicurezza. Ciò ha rafforzato i governi autocratici, dando loro maggiore legittimità e riconoscimento internazionale, ignorando il malcontento delle società civili di questi stati. Il fallimento nella considerazione dei problemi reali delle società del sud della Comunità Europea è stato finalmente messo in evidenza dal processo della primavera araba.

La Primavera Araba nei paesi del sud del Mediterraneo e la crisi del debito sovrano nelle zone settentrionali hanno particolarmente colpito la regione del Mediterraneo a partire dal 2010. Esse illustrano le sfide socio-economiche e politiche che affronta la regione: i fallimenti di governo o di democrazia, crescita debole, ampliamento delle disparità e disuguaglianze, aumento della disoccupazione.

 Il partenariato euromediterraneo cerca di avvicinare il nord, sud ed est del bacino del Mediterraneo per ridurre il divario che caratterizza la regione. Sulla base di un’apertura commerciale dei paesi mediterranei e il sostegno finanziario europeo, la cooperazione euro-mediterranea rientra nella logica dello sviluppo regionale. Certamente il processo di Barcellona ha stabilito le basi del partenariato euro mediterraneo che ha dato vita da all’ Unione per il Mediterraneo. Tuttavia, gli obiettivi di costruire uno spazio di pace, sicurezza e prosperità condivisa non sono stati raggiunti.

 I risultati insoddisfacenti del partenariato euro mediterraneo hanno nutrito le rivendicazioni dei popoli del Nord Africa, che ha avviato un movimento rivoluzionario, in misura diversa a seconda del paese. I Partiti islamisti sono i principali beneficiari di questa rivoluzione, il loro trionfo ha espresso un bisogno di cambiamento, un desiderio di democrazia e la ricerca di giustizia sociale nonché di una crescita economica sostenibile. La Primavera araba pone il mondo arabo a un bivio e si impone come parte della nuova geopolitica del Mediterraneo per sostenere il processo di transizione democratica e di investire per la libertà, nella speranza di ridurre il divario tra Nord e Sud.

 Su un altro livello, il Mediterraneo è considerato un bacino di confluenza di diverse culture del mondo, si può sviluppare una attrazione culturale e turistica per raggiungere due obiettivi complementari: costruire una identità mediterranea in grado di ridurre il conflitto, facilitando il dialogo interculturale e offrire un’offerta turistica basata sul patrimonio culturale può migliorare l’attrattiva della regione.

Colmare il divario tra Nord e Sud continua a dipendere dalla crescita economica, ma si pone il problema dell’efficacia, della governance, dell’inclusione e della buona gestione delle risorse idriche ed energetiche.

 Un’altra sfida regionale di riguarda la risoluzione dei conflitti, perché oltre a conflitti etnici, possono scoppiare conflitti per l’acqua o le materie prime. Questi conflitti, indipendentemente dalla loro natura, rendono l’integrazione economica particolarmente difficile nella regione meridionale.

Dopo le rivoluzioni arabe, è stato necessario rivedere il modello di cooperazione euromediterranea. Questo modello ha fornito un periodo relativamente lungo di pace regionale, di cui hanno beneficiato gli Stati e i cittadini dell’UE e le élite politiche ed economiche dei regimi autoritari dei paesi vicini della sponda sud del Mediterraneo, mentre i cittadini di questi Stati hanno sofferto di mancanza di diritti e libertà, la corruzione strutturale delle istituzioni pubbliche, la disuguaglianza e l’ingiustizia sociale, e dei limiti alla partecipazione nelle istituzioni politiche e gli abusi delle forze di polizia e dei servizi sicurezza. L’autoritarismo e la corruzione sono stati in ultima analisi, le principali fonti di instabilità che hanno ostacolato le possibilità di un processo di pace regionale, aggravando i problemi dell’immigrazione, la sicurezza energetica e la criminalità organizzata, tra gli altri.

Inoltre, le rivoluzioni arabe hanno messo a repentaglio il legame rappresentato dall’ UPM tra le due sponde. Anche in questo caso, l’Unione Europea, ha fallito nel suo compito, o meglio la sua promessa ai paesi del Mediterraneo. Dopo gli eventi 2011, l’Unione europea ha lanciato due programmi focalizzati su due priorità: approfondire le riforme istituzionali – impossibile in un contesto di profonda instabilità nei paesi del Maghreb, segnata anche da esitazioni europee sulla Turchia – e lo sviluppo economico, inclusivo e sostenibile.

Oggi la realizzazione di uno spazio di pace e di progresso sembra ancora più difficile, ed è urgente chiarire le carenze della politica mediterranea dell’Unione europea ed affrontare le opportunità future. E soprattutto tenendo conto dopo decenni caratterizzati da questa cooperazione, la regione è diventata una delle più instabili del mondo, con conflitti armati che hanno causato in Siria e Libia, circa 350 000 morti, 7,6 milioni di sfollati e 3,2 milioni di rifugiati. Le violazioni dei diritti umani stanno diventando sempre più gravi, la criminalità organizzata internazionale e il terrorismo internazionale rimangono impuniti, ei governi non sono in grado di proteggere la popolazione, il controllo del territorio all’interno dei confini. Infine, il futuro del Mediterraneo dipende dal nuovo ordine mondiale che si sta creando. Oggi è un cambiamento geopolitico che non si vedeva dalla fine della guerra fredda, quando siamo passati da un mondo unipolare con una superpotenza ad un mondo multipolare.

“Siamo in un mondo in cui si dispone di molti grandi potenze”, ha detto l’economista Nouriel Roubini partecipante a Davos nel 2017. “Queste grandi potenze o lavorano insieme, o ci saranno sempre più attriti e conflitti sul commercio e valuta, per l’economia e le finanze.”

Come sottolineato a Davos, dobbiamo rispondere alla domanda di come l’umanità deve prepararsi alle conseguenze preoccupanti della 4 ° rivoluzione industriale. Il cambiamento tecnologico trasformerà il mondo lasciando milioni di lavoratori sul ciglio della strada.

In 10 anni, forse anche 5, la maggior parte dei nuovi posti di lavoro sarà in attività o professioni che non esistono nel 2016. Gli studi indicano che il 65% dei bambini che accedono oggi alla scuola eserciteranno professioni che non esistono nel 2016. “Ci sono 3,6 miliardi di persone nel mondo che aspirano a un reddito migliore, il cibo in tavola due volte al giorno, una volta al giorno. Voltare le spalle alla globalizzazione a un aiuto lo sviluppo è esattamente l’approccio sbagliato. Dire che la globalizzazione è un male perché distrugge posti di lavoro è una scorciatoia troppo breve, si tratta di qualcosa che ha bisogno di molta più ricerca e comprensione “, ha detto il capo del FMI Christine Lagarde. E non è solo la globalizzazione che deve essere riformata per affrontare le sfide dei tempi che cambiano: i nostri modelli di governance dovrebbero essere rivisti.

Naturalmente, la forma che questo nuovo mondo dipenderà dalle decisioni prese oggi. Siamo felici di vivere in un mondo dove solo otto uomini controllano la stessa ricchezza della metà dell’umanità? In caso contrario, quali politiche possiamo mettere in atto, quali sistemi dobbiamo ripensare, per portare davvero il cambiamento? Le idee abbondano, a partire dalle soluzioni note – riqualificare le persone per garantire loro le competenze necessarie, la riforma dei sistemi fiscali, ecc …

 

*Lassad el Asmi è Rettore dell’Università di Cartagine