Bombe su Gaza. Il 30% delle vittime sono donne e bambini


 

Sono donne e bambini il 30% dei 172 palestinesi rimasti uccisi nell’operazione israeliana contro la Striscia di Gaza, entrata ormai nel settimo giorno. E’ quanto emerge da un’analisi dell’agenzia di stampa Dpa sulla base di un elenco delle vittime fornito dal portavoce del ministero della Salute di Gaza, Ashraf al-Qedra.

Tra le 172 vittime, secondo la Dpa, ci sono 29 donne, sette delle quali avevano meno di 18 anni, e 24 giovani minorenni, circa la metà dei quali sono bambini di dieci anni o ancora più piccoli. La vittima più giovane è un neonato di 18 mesi. La Dpa sottolinea come non sia possibile verificare in modo indipendente quanti siano i civili tra i 119 uomini uccisi, compresi un palestinese di 75 anni e uno di 80.

Il bilancio dell’offensiva israeliana del novembre 2012 contro la Striscia di Gaza, secondo dati del gruppo israeliano per i diritti umani B’Tselem, era stato di 167 palestinesi uccisi.

 

Fonte Aki