Il congresso americano aumenterà del 50% gli aiuti al sistema israeliano Iron Dome


 

Una commissione del Senato americano ha approvato l’aumento del cinquanta per cento degli aiuti finanziari americani al sistema israeliano di difesa anti-missile Iron Dome, utilizzato attualmente da Israele per abbattere i razzi lanciati dalla striscia di Gaza.

I senatori hanno approvato una misura da 351 milioni di dollari per finanziare il sistema di intercettazione durante l’anno finanziario 2015, che comincia il primo ottobre, contro i 235 milioni nel 2014. Il presidente Barack Obama aveva chiesto solamente 179 milioni di crediti per il 2015.

Secondo l’agenzia France Press, gli Stati Uniti hanno speso in totale dal 2011, data della messa in servizio, 700 milioni di dollari per sostenere lo sviluppo di “Iron Dome”, destinato a fermare i proiettili di corta e media gittata (razzi, granate) lanciati in direzione dei centri abitati.

I crediti 2015, che prevedono anche 270 milioni per altri sistemi anti-missile, devono ancora essere approvati definitivamente dal Senato da qui a Settembre. La Camera ha già adottato una somma identica in maggio.

In totale, gli Stati-Uniti hanno previsto di spendere 30 miliardi di dollari di aiuti militari a Israele nel 2009 e 2018. Nel 2014, Israele ha ricevuto 3,1 miliardi di dollari d’aiuto.

 

(con fonte afp)