Rete No War a Mogherini: serve una svolta nella politica estera dell’UE


 

Il drammatico precipitare della situazione in Iraq e in Ucraina, la perdurante guerra in Siria ed Afghanistan, l’orrenda strage di Gaza, il caos della Libia – tutti episodi su cui pesano i plateali errori, le forzature e le aggressioni militari, le colpevoli omissioni commesse in passato dai paesi della EU, dalla NATO, e dagli USA e dai loro alleati – ci induce a richiederLe una svolta decisa nella politica estera europea, finora asservita ad interessi che sono estranei all’interesse generale per la pace.

Le ricordiamo che:

– UCRAINA: la pericolosissima crisi in Ucraina – quasi un anticipo di una terza guerra mondiale – ha avuto inizio da una COLPO DI STATO sostenuto dagli USA e alcuni paesi della EU, con l’apporto di manovalanza neo-nazista locale che ha abbattuto un governo democraticamente eletto, con lo scopo finale di spostare i confini della NATO fino al cuore della Russia. E’ necessaria una soluzione negoziata basata sul diritto alla sicurezza della Russia e sul diritto all’autodeterminazione degli abitanti dell’Est dell’Ucraina attraverso forme significative di autonomia.

– IRAQ: vari paesi della EU, tra cui l’Italia, hanno partecipato direttamente alla Prima Guerra del Golfo (1990-91) ed hanno funzionato come base d’appoggio logistico per la Seconda Guerra (2003) condotta da USA e UK. Queste guerre hanno completamente destabilizzato e disintegrato l’Iraq, oggi diviso in fazioni confessionali ed etniche in lotta tra loro. Qualsiasi soluzione deve partire da una forte autocritica per il passato sostegno – con finanziamenti e fornitura di armi – a fazioni terroristiche e jihadiste che operano sia in Siria ed Iraq, e non può basarsi sulla fornitura di nuovi armamenti ad una singola fazione in lotta (il PDK guidato da Massoud Barzani). Questa soluzione è osteggiata anche da tutte la altre organizzazioni kurde che stanno lottando (con efficacia molto maggiore rispetto al PDK) contro i terroristi dell’ISIS (vedi il PKK-HPG del Nord-Kurdistan e il PYD-YPG del Rojava in Siria) e pone l’organizzazione kurda di Barzani in rotta di collisione con il governo centrale di Baghdad (unico governo riconosciuto a livello internazionale) che paventa l’ulteriore frammentazione del paese con la prevedibile esplosione di nuovi devastanti conflitti.

– SIRIA: vari paesi europei, tra cui l’Italia, partecipano tuttora al “gruppo di londra” (ex “amici della Siria”) che – in alleanza con le peggiori dittature confessionali e petromonarchiche (Arabia Saudita, Qatar, per non parlare della Turchia islamica di Erdogan) rifornisce con finanziamenti ed armi i cosiddetti “ribelli” della Siria egemonizzati dai peggiori gruppi jahadisti. E’ ormai fatto accertato che armi e finanziamenti, per via diretta o indiretta, finiscono nelle mani e vanno a rafforzare gruppi terroristici quali l’ISIS che agiscono sia in Siria che in Iraq. Una soluzione del problema deve passare attraverso una forte autocritica per le politiche passate, la cessazione di ogni finanziamento e fornitura di armi anche alle presunte fazioni ribelli “moderate” come l’ESL (in realtà alleate organicamente con Al Nusra, costola di Al Queda, e di altri gruppi jihadisti), ed il ristabilimento delle relazioni diplomatiche con il governo siriano che da tre anni dimostra di saper lottare efficacemente contro il terrorismo jihadista.

– LIBIA: vari paesi della EU aderenti alla NATO, tra cui l’Italia,  hanno contribuito in modo decisivo nel 2011, nell’ambito di un attacco militare condotto insieme agli USA e al Qatar, alla completa destabilizzazione e disintegrazione di un paese prospero come la Libia, oggi nel caos e preda di una lotta intestina tra bande armate di tipo confessionale e tribale. Anche qui una soluzione può partire  solo nell’ambito di una decisa autocritica verso le azioni aggressive del passato, evitando nuove disastrose avventure militari e favorendo ogni iniziativa autoctona tesa al ristabilirsi di tentativi autonomi di nuovi sviluppi democratici.

– AFGHANISTAN: vari paesi della EU aderenti alla NATO partecipano insieme agli USA alla guerra in Afghanistan dove i passati interventi occidentali – già a partire dagli anni ’70 e ’80 dello scorso secolo – a favore dei jihadisti (spacciati per “combattenti della libertà”) hanno completamente destabilizzato il paese, e dove si preannuncia una permanenza di militari della UE – sotto sigle diverse – anche dopo la chiusura “ufficiale” dell’attuale missione. Anche in questo caso deve scaturire, nell’ambito di una serrata autocritica, un cambio deciso di politica con il ritiro di tutti i contingenti militari, sotto qualsiasi forma essi si presentino.

– PALESTINA/GAZA: vari paesi della EU aderenti alla NATO mantengono strette relazioni economiche e militari con uno stato occupante ed aggressivo quale Israele. Ogni soluzione di pace deve passare attraverso il pieno riconoscimento dei diritti del popolo palestinese. Vanno esercitate pressioni (anche per mezzo di sanzioni economiche ed embargo sulla fornitura di armi come già fatto dalla Spagna) verso Israele perché rispetti tutte le risoluzioni dell’ONU, comprese quelle che prevedono il diritto dei profughi palestinesi al ritorno in Palestina (194/1948) e la fine dell’occupazione militare dei territori palestinesi. Va inoltre smantellato il muro di separazione che accerchia i territori palestinesi, riconosciuto come illegale dal Tribunale internazionale dell’ONU dell’Aja; vanno smantellate le colonie che continuano a crescere su territori palestinesi, posto fine all’osceno assedio di Gaza e riconosciuto il diritto degli abitanti di Gaza alla loro sicurezza ed ad una vita normale; vanno portati di fronte da un tribunale internazionale i responsabili dei crimini contro l’umanità commessi durante il selvaggio bombardamento dell’operazione “Protective Edge” e quelli responsabili dei crimini compiuti durante la precedente operazione “Piombo fuso”, come riconosciuti ufficialmente dal rapporto Goldstone steso dalla apposita commissione dell’ONU.

Rete No War Roma