Mayssa Abdo, la comandante curda che combatte contro i terroristi a Kobane


 

E’ una donna di 40 anni a guidare i combattenti curdi contro i jihadisti dello Stato islamico nella città siriana di Kobane; Mayssa Abdo, anche conosciuta con il nome di battaglia Narin Afrin, è alla testa delle Unità di protezione del popolo curdo (Ypg) al fianco di Mahmud Barkhodan, stando a quanto riferito dall’Osservatorio siriano per i diritti umani.

Come è consuetudine per i combattenti curdi, Mayssa è uno pseudonimo, in questo caso della regione natale della donna, una roccaforte curda che, come Kobane, si trova nella provincia settentrionale di Aleppo. “Quelli che la conoscono dicono che è istruita, intelligente e flemmatica – ha detto il direttore dell’ong, Rami Abdel Rahman – si preoccupa dello stato psichico dei combattenti e si interessa dei loro problemi”.

La presenza di donne nelle file dei combattenti curdi, in Siria come in Iraq e in Turchia, è nota da anni. E il 5 ottobre scorso, proprio una donna, Dilar Gencxemis (nome di battaglia Arin Mirkan) è stata la prima kamikaze curda a farsi saltare in aria in Siria, dall’inizio della guerra, nel 2011, uccidendo decine di jihadisti alle porte di Kobane.

(fonte Afp)