Assad: l’attentato a Charlie Hebdo è colpa dei governi europei


 

Il presidente siriano Bashar al-Assad, in un’intervista rilasciata al mensile ceco ‘Literarni Noviny’, ha affermato che l’attentato contro il settimanale satirico francese Charlie Hebdo è una prova della ”miopia” dell’Occidente e impone ai leader occidentali di riconsiderare il loro sostegno ai ribelli e all’opposizione siriana. Dicendosi vicino ai familiari delle vittime degli attentati in Francia, Assad ha affermato che governi europei sono ”responsabili di quello che è accaduto recentemente in Francia” e che la Siria è contraria all’uccisione di civili ovunque.

Assad ha quindi chiesto ai politici occidentali di riconsiderare il loro sostegno ai ribelli e all’opposizione siriana. I politici occidentali, ha infatti affermato il presidente siriano, sono ”miopi” e gli attacchi della Francia dimostrano che ”quello che diciamo è vero”.

A questo proposito Assad ha chiesto agli Stati che combattono il terrorismo di scambiarsi informazioni di intelligence, sostenendo che le politiche dei governi europei sono responsabili degli attacchi in Francia. ”Ci dev’essere uno scambio di informazioni tra i Paesi impegnati nel combattere il terrorismo”, si legge in alcuni stralci dell’intervista pubblicati dall’agenzia di stampa Sana.

”Diciamo all’Occidente: ‘non si può sostenere il terrorismo e fornirgli una copertura politica perché questo si rifletterà sui vostri Paesi e sulle vostre Nazioni”’, ha aggiunto Assad. ”Vogliamo ricordare all’Occidente che stiamo parlando di queste possibili conseguenze dall’inizio della crisi in Siria” nel marzo del 2011, ha proseguito.