Appello di ISIS ai miliziani: colpire i crociati cristiani a Roma e in tutta Europa


 

Nuova offensiva mediatica dell’ISIS. Il portavoce Abu Muhammad al Adnani, nell’ultimo audio messaggio diffuso sul web, ha dichiarato: “Presto questa campagna crociata sarà sconfitta e dopo, se Dio vuole, ci incontreremo a Gerusalemme, poi l’appuntamento è a Roma. Ma prima gli eserciti della croce saranno sconfitti a Dabiq”, in Siria.

Lo stesso al Adnani, in un messaggio che si intitola “Die in your rage” (muori nella tua furia), ha poi minacciato un attacco su larga scala, rivolgendo un appello ai jihadisti dell’Isis in Europa: “Colpite i crociati nel loro territorio e ovunque si trovino”.

“Avete visto  – ha detto Adnani,riferendosi agli attacchi terroristici degli ultimi mesi – che cosa un singolo musulmano ha fatto con il Canada e il suo Parlamento, e quello che hanno fatto i nostri fratelli in Francia, Australia e Belgio”.

Intanto una retata contro gruppi di jihadisti è stata effettuata a Lunel, un comune dell’Herault, nel sud della Francia, dal quale provengono una ventina di giovani partiti per la ‘guerra santa’ in Siria . L’operazione è stata condotta dai reparti speciali del Raid e del GIPN. Cinque persone sospettate di reclutamento per la jihad sono state fermate. Sei abitanti di Lunel fra i 18 e i 30 anni sono morti in Siria negli ultimi mesi.