La Germania stanzia 6 miliardi di euro per gestire la crisi dei profughi


 

La coalizione di governo tedesca guidata dalla cancelliera Angela Merkel ha deciso di destinare 6 miliardi di Euro alla gestione della crisi dei migranti cui il paese sta facendo fronte. Il pacchetto di misure – concordato al termine di colloqui che si sono protratti nella notte – è suddiviso in una parte equivalente a tre miliardi di Euro a livello di bilancio federale ed una di 3 miliardi da destinare agli stati e governi locali per gestire in loco l’accoglienza dei migranti.

Prima dei colloqui interni alla coalizione sul pacchetto di misure, il governo era apparso diviso su come gestire il flusso crescente di rifugiati, con critiche aperte da parte della Csu, il partito cristianosociale bavarese, alla decisione presa dalla Germania con l’Austria di aprire le porte ai profughi di fronte alla situazione di emergenza che si era venuta a creare al confine ungherese. La Csu aveva messo in chiaro che Merkel avrà la necessità di chiarire che anche altre nazioni europee devono partecipare alla gestione della crisi.

ATTACCO INCENDIARIO A CENTRO RICHIEDENTI ASILO – Un attacco incendiario ha parzialmente distrutto  in Germania una struttura destinata in futuro ad accogliere i richiedenti asilo a Ebeleben, in Turingia. Secondo le informazioni della polizia ad essere danneggiati sono stati tre blocchi abitativi in fase di ristrutturazione. Sul posto sono state fatte arrivare diverse squadre di vigili del fuoco. Le forze dell’ordine hanno parlato di attacco incendiario a sfondo politico ed escluso la possibilità che a scatenare l’incendio sia stato un difetto tecnico.