Grecia e Iran hanno aperto lo spazio aereo ai voli russi con aiuti umanitari diretti in Siria


 

Fonti diplomatiche russe hanno confermato che sia l’Iran che la Grecia hanno aperto il loro spazio aereo per gli aerei russi che forniscono aiuti umanitari alla Siria. Proprio ieri la Bulgaria ha annunciato, invece, la chiusura del suo spazio aereo per tali voli.

L’Iran ha dato la sua approvazione agli aerei russi con aiuti umanitari alla Siria per attraversare il suo spazio aereo, ha riferito l’ addetto alla stampa dell’ambasciata russa in Iran, Maxim Suslov. La notizia è stata rilanciata dall’agenzia russa TASS.

Allo stesso tempo, l’ambasciata russa ad Atene ha annunciato che le autorità greche hanno già permesso ai voli umanitari organizzati dalla Russia allo stesso scopo, di attraversare il suo spazio aereo il 31 agosto scorso. In precedenza, il ministero degli Esteri bulgaro ha annunciato di aver chiuso il proprio spazio aereo a tali velivoli dal 01 al 24 Settembre.

«Mi dispiace che sotto la pressione di Washington e di Bruxelles, dove è situato il quartier generale della NATO e dell’Unione Europea, alcuni Paesi evitano l’adempimento di ciò che chiamerei “dovere umanitario internazionale”,  come la concessione di corridoi aerei dedicati alla soluzione di compiti umanitari», ha dichiarato il vice ministro degli Esteri russo Sergey Ryabkov, aggiungendo che percorsi alternativi per questi voli sarebbero già stati trovati.

 

Traduzione da RT Esp