Siria. In migliaia in piazza a Londra contro l’intervento militare inglese


Alcune migliaia di persone sono scese in piazza  a Londra, di fronte a Downing Street, contro il coinvolgimento militare della Gran Bretagna nei raid contro l’Is in Siria su cui la Camera dei comuni sarà chiamata a esprimersi nei prossimi giorni, dopo l’appello rivolto dal presidente francese Francois Hollande al premier David Cameron e agli stessi deputati.

 

Prima della manifestazione organizzata dal movimento «Stop the War», il governo ombra laburista si era riunito per discutere della Siria, dopo che il segretario Jeremy Corbyn aveva scritto ai suoi deputati dicendosi contrario al coinvolgimento di Londra e chiedendo un loro parere. Il partito sembra orientarsi verso la concessione ai suoi deputati della libertà di voto, come ha spiegato John McDonnell, uno degli esponenti labour vicini a Corbyn, per evitare, come ha spiegato, «l’errore orrendo» del 2003, quando i laburisti erano stati costretti ad approvare i piani di Tony Blair in Iraq. In questi giorni, i ministri degli esteri e della difesa prenderanno il telefono in mano per chiamare deputati dell’opposizione, nel tentativo di convincerli a votare in favore dei raid.